Carnevale_Sito_Sfilate_1200x336.jpg

Al Moro le chiavi di Mondovì: in 10mila alla prima sfilata

 

Ottimo esordio per lo street food: sabato 2 e domenica 3 marzo si replica


Natta: “Una giornata meravigliosa, le vie del centro invase da turisti”


Un tiepido sole bacia la prima delle grandiose sfilate del Carlevè ‘d Mondvì ed è subito un successo:
grande entusiasmo nel capoluogo del Monregalese per le 10mila presenze registrate sul circuito, una vera e propria folla gestita nel migliore dei modi dal collaudato sistema. Il piano di sicurezza, predisposto dalla Famija Monregaleisa, ha previsto quattordici varchi di accesso presidiati da 42 steward e 70 volontari della Protezione Civile, oltre alla presenza di 18 addetti antincendio, 13 agenti di Polizia Locale e 55 addetti alla scorta tecnica degli sfilanti per un totale di oltre 200 addetti. Numeri importanti che garantiscono il regolare svolgimento di una manifestazione da sempre simbolo della Città.

Il Moro e la sua Corte sono pronti: sabato la cerimonia di consegna delle chiavi della Città

 

Dopo Prato Nevoso, Artesina e Mondovicino, Mondovì accoglie il grandioso Carlevè
“Il nostro non è ‘solo’ un Carlevè, è molto di più: è un'intera Città che
mette in mostra le sue bellezze rivestite dai colori del carnevale”

    Il Carlevè ‘d Mondvì entra nel vivo. Dopo un primo fine settimana all’insegna dell’allegria, trascorso tra le piste innevate del comprensorio sciistico del Mondolè (Prato Nevoso e Artesina) e lo Shopping Center & Retail Park di Mondovicino, il Moro e la sua Corte sono pronti: sabato 23 febbraio, alle ore 17.30, il sindaco di Mondovì, Paolo Adriano, consegnerà le chiavi della Città al Re Saraceno più rinomato del Monregalese. Con un’inedita cerimonia all’interno della Sala Consigliare del Municipio (Corso Statuto, 15), alla presenza delle maschere storiche degli altri carnevali in arrivo da tutto il Piemonte e non solo, Sua Maestà alzerà al cielo il prezioso cimelio ed annuncerà alcuni provvedimenti studiati ad hoc: le leggi “Ad Morum”. Il nuovo corso di Guido Bessone si aprirà dunque con una curiosa e scherzosa novità, svelata alla Città solo durante la cerimonia di consegna.